LUISS

Prof. Enrico Genta Ternavasio

Enrico Genta Ternavasio, nato a Cavallermaggiore (CN) il giorno 11 giugno 1951, è professore ordinario di Storia del diritto italiano ed europeo (settore Ius-19, Storia del diritto medievale e moderno) nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Torino, dove ha tenuto pure per anni il corso di Diritto comune; nella sede di Alessandria della stessa Università di Torino, invece, ha insegnato Storia del diritto italiano e Diritto comune. Fino al 2001 è stato professore associato di Storia del diritto italiano nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Torino. Dal 2006 insegna Storia del diritto presso la Facoltà di Giurisprudenza della LUISS di Roma.

Membro effettivo della Deputazione subalpina di storia patria, è socio della Società italiana di storia del diritto e delle principali istituzioni culturali locali piemontesi. Ha tenuto corsi presso l’ateneo parigino R. Descartes (Paris V), presso l’Università di Nizza-Sophia Antipolis ed ha preso parte come relatore a numerosi congressi storico-giuridici in Italia ed all’estero. E’ responsabile delle attività internazionali della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Torino.

Ha fatto parte in diverse occasioni di commissioni di concorso di storia del diritto italiano per professore associato, per ricercatore e per il dottorato di ricerca.

Ha diretto unità di ricerca locali per progetti nazionali ex 40% e programmi locali ex 60%; collabora attualmente ad alcuni progetti di ricerca CNR, Miur ex 40%, ex 60% ed ai programmi di ricerca italo-francesi che coinvolgono le Università di Torino e di Nizza.

Collabora con comunicazioni e recensioni alla redazione della “Rivista di storia del diritto italiano”, del  “Bollettino storico bibliografico subalpino” e di “Studi piemontesi”.

Pubblicazioni recenti

L’attività scientifica di Enrico Genta ha visto, nei primi anni di attività, la pubblicazione di due monografie di storia giuridica dedicate ad aspetti delle istituzioni e del diritto sabaudo fra Antico regime e Restaurazione (Ricerche sulla storia dell’ipoteca in Piemonte, Torino 1978, pp. 118 e Senato e senatori di Piemonte nel secolo XVIII, Torino 1983, pp. 395) oltre a numerosi articoli. Negli ultimi anni, dopo la pubblicazione del volume su Statuti e bandi di Limone Piemonte, Cuneo 1992, pp. 119, ha pubblicato il corso di lezioni di diritto comune, Appunti di diritto comune, Torino 1995, pp. 206 e, fra gli altri, i seguenti contributi:

  • Intendenti e comunità nel Piemonte settecentesco, in Comunità e poteri centrali negli antichi Stati italiani, Napoli 1996;

  • Ordinamenti amministrativi e sistema dei controlli nel Piemonte sabaudo, in “Annale ISAP” (1996);

  • Un progetto e una  legge mai applicata: Giacomo Giovanetti e la riforma degli ordinamenti amministrativi del 1847, in “Rivista di Storia del diritto italiano” LXX (1997);

  • L’amministrazione centrale e provinciale, in Il Piemonte alle soglie del 1848. Atti del Convegno, Torino 1999;

  • Genealogia, araldica, nobiltà nella storia del diritto tra realtà e finzione, in “Rivista di storia del diritto italiano” LXXII (1999);

  • Giacomo Giovanetti giurista, in “Bollettino storico bibliografico subalpino” XCVIII  (1999);

  • Una rivoluzione liberale mancata, Torino 2000, pp. 370;

  • Il diritto allo studio universitario. Radici e prospettive, a cura di E. Genta, Savigliano  2003, pp. 216;

  • Principi e regole internazionali tra forza e costume, Napoli 2004, pp. 219.

  • Pietrino Belli giurista: la consulenza a principi e privati, in Un giurista tra principi e sovrani. Pietrino Belli a 500 anni dalla nascita, a cura di G.S. Pene Vidari e R. Comba, Alba 2004, pp. 31-39.

  • Storia del diritto contemporaneo (con G.S. Pene Vidari), Torino 2005, pp. 285.

  • Nobiltà, studi e carriere nel Piemonte sabaudo: Filippo e Amedeo Avogadro, in Avogadro e la cultura scientifica del primo Ottocento, a c. M. Ciardi, Milano 2007.

  • I Ternavasio di Carmagnola: aspetti della fidelitas tra Marchesi di Saluzzo e Duchi di Savoia, in Atti della Società Italiana di Studi Araldici, Torino 2007, pp. 61-76.

  • Il gelso, il baco e la seta nelle leggi sabaude, in Storia di fili di seta, Cinisello Balsamo 2008, pp. 116-121.

  • Codici della (piccola?) borghesia. Note su proprietà, successioni e maggioraschi dal Codice Napoleone al Codice Albertino, in Etudes d’Histoire du droit privé en souvenir de Maryse Carlin, Parigi 2008, pp. 385-402.

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.