Regole esame

L’esame si compone di una prova scritta obbligatoria ed una prova orale facoltativa.

  • Il punteggio massimo assegnato alla prova scritta, composta da esercizi pratici e teorici, è pari a 32.
  • Lo studente che abbia un voto sufficiente nella prova scritta può scegliere di

a) verbalizzare il voto (senza sostenere l’esame orale)
b) sostenere l’orale.

Nel caso a) il voto massimo che può essere verbalizzato è 24 (e dunque uno studente con voto superiore a 24 nella prova scritta che decidesse di non sostenere l’esame orale potrebbe verbalizzare al massimo 24).

  • Qualora lo studente decidesse di sostenere l’esame orale (caso b), il voto finale, espresso in trentesimi (X/30), dipenderà dall’esito combinato delle due prove, e dunque potrà essere superiore o inferiore al voto della prova scritta. Lo studente potrà anche essere respinto (indipendentemente dal voto dello scritto) qualora l’esame orale risultasse gravemente insufficiente. In tal caso, lo studente dovrà ripetere la prova scritta in un successivo appello.
  • I quesiti proposti nella prova orale riguardano sia argomenti di teoria (presenti sul programma del corso) sia esercizi pratici.
  • Una votazione sufficiente ottenuta nella prova scritta in occasione di un appello, viene mantenuta per l’intera sessione d’esami. Dunque è possibile pianificare l’eventuale prova orale in un appello successivo rispetto a quello in cui è stata sostenuta la prova scritta (non oltre la medesima sessione d’esami).
  • E’ facoltà dello studente rifiutare il voto della prova scritta e/o della prova orale e scegliere di sostenere nuovamente la prova in uno qualsiasi degli appelli successivi previsti dal calendario degli esami.