Versione Italiana

MIT messa a fuoco 3

Massachusetts Institute of Technology, The Great Dome

aorsini@luiss.it

orsini@mit.edu

Alessandro Orsini è Direttore dell’Osservatorio sulla Sicurezza Internazionale della LUISS e del sito d’informazione Sicurezza Internazionale. È   professore associato di Sociologia del terrorismo nel Dipartimento di Scienze Politiche della LUISS. È stato nominato membro della commissione per lo studio dell’estremismo jihadista con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. È Research Affiliate al MIT di Boston dal 2011, dove è stato Visiting Scholar nel Department of Political Science e al Center for International Studies. È stato direttore del Centro per lo Studio del Terrorismo dell’Università di Roma “Tor Vergata” dal 2013 al 2016. È stato membro partecipante del Radicalization Awareness Network, istituito dalla Commissione Europea per studiare e prevenire i processi di radicalizzazione verso il terrorismo (2012-2014). Attualmente, scrive per “l’Espresso”. È stato editorialista del quotidiano “il Messaggero” per il quale ha curato la rubrica “Atlante” (2015-2017).  I suoi studi sul terrorismo, tradotti nelle principali lingue europee, ma anche in persiano, sono apparsi sulle maggiori riviste scientifiche internazionali specializzate in studi sul terrorismo, ritenute “eccellenti” dal Ministero dell’Università secondo la classificazione ANVUR. I suoi studi sono stati riportati sul sito del Governo Italiano (link) e sul sito del MIT (link al sito del MIT). La sua ultima intervista sull’ISIS è apparsa in Iran su “Iranian Diplomacy” (link). Raymond Boudon ha definito “importanti” i suoi studi, di cui ha chiesto la traduzione al direttore della rivista francese “Commentaire”, Jean-Claude Casanova. Il suo ultimo libro è Isis: i terroristi più fortunati del mondo e tutto ciò che è stato fatto per favorirli (Rizzoli), vincitore del Premio Cimitile (medaglia del Presidente della Repubblica). Ha in corso di stampa il suo secondo libro per la Cornell University di New York (Ivy League). 

Ha partecipato a più di 150 dirette su Rai Uno, Rai Due, Rai Tre, La7, TgCom24, Sky TG 24 e Rai News 24. È ospite abituale di Radio Rai.  Questo è il video della sua intervista a Sky Tg 24 in diretta dal MIT di Boston sulla strage di Parigi del 13 novembre 2015. Questo è il video della sua apparizione a “Porta a Porta” nel giorno della strage di Bruxelles. Questo è il video della sua intervista con La Repubblica dedicata alla strage jihadista di Charlie Ebdo.

Il suo Anatomia delle Brigate rosse (Rubbettino) tradotto da Cornell University, è  stato definito “un libro di alto prestigio intellettuale” dalla rivista di Harvard “Journal of Cold War Studies”, ha vinto il Premio Acqui 2010 ed è stato classificato tra i libri più importanti del 2011 da “Foreign Affairs”. Secondo “Perspectives on Politics” – la rivista dell’American Political Science Association – Anatomia delle Brigate rosse è “un contributo accademico enorme”. Il Presidente dell’Associazione Italiana delle Vittime del Terrorismo ha proposto di adottare Anatomia delle Brigate rosse nelle scuole italiane.

Il suo libro, “Gramsci e Turati. Le due sinistre” (Rubbettino), definito da Roberto Saviano “la più bella riflessione teorica sulla sinistra fatta negli ultimi anni” (la Repubblica, 28 febbraio 2012), ha avviato un dibattito che si è protratto per alcuni mesi sui principali quotidiani nazionali, in numerose trasmissioni radiofoniche e su riviste accademiche.

Una parte importante della sua formazione è avvenuta al MIT di Boston, dove è stato nominato Research Affiliate nel 2011 e dove  svolge le sue ricerche durante il primo semestre dell’anno accademico e parte del secondo. È stato invitato a presentare i suoi studi in numerose università americane. Tra queste, Harvard, MIT, Johns Hopkins, Brookings Institution, Trinity College, Boston College, ma anche a Madrid, presso la Fundación para el Análisis y los Estudios Sociales (FAES), e in Lituania presso l’Institute of International Relations and Political Science (IIRPS) dell’Università di Vilnius.

MIT messa a fuoco 1

Massachusetts Institute of Technology, Walker Memorial

È membro del comitato scientifico di “Studies in Conflict and Terrorism”, diretta da Bruce Hoffman (fascia A Anvur). I suoi ultimi articoli sul terrorismo sono apparsi su “Commentaire”, tra le maggiori riviste intellettuali di Francia (fascia A Anvur).

Formazione:

  • Laurea in Sociologia, Università di Roma “La Sapienza”, Facoltà di Sociologia
  • Dottorato di ricerca, Università di “Roma Tre”, Facoltà di Scienze politiche
  • MIT, Visiting Scholar, Center for International Studies, Fall Term 2011
  • MIT, Visiting Scholar, Department of Political Science, Fall Term 2012
  • MIT, Visiting Research Affiliate, Center for International Studies, Fall 2013
  • MIT, Visiting Research Affiliate, Center for International Studies, Fall 2014
  • MIT, Visiting Research Affiliate, Center for International Studies, Spring 2015
  • MIT, Visiting Research Affiliate, Center for International Studies, Fall 2015
  • MIT, Visiting Research Affiliate, Center for International Studies, Fall 2016

Articoli

  • Alessandro Orsini, “Are Terrorists Courageous? Micro-Sociology of Extreme Left Terrorism,” in Studies in Conflict and Terrorism, 3/2015, pp.179-198 (Fascia A ANVUR)
  • Alessandro Orsini, “Poverty, Ideology and Terrorism: the STAM Bond,” Studies in Conflict and Terrorism, 10 (2012), pp. 665-692 (Fascia A ANVUR)
  • Alessandro Orsini, “A Day Among The Diehard Terrorists. The Psychological Costs of Doing Ethnographic Research,” Studies in Conflict and Terrorism, 4 (2013) pp. 337-351 (Fascia A ANVUR)
  • Alessandro Orsini, “L’attentat de Paris et le renseignement,” Commentaire, Janvier-Mars, 2015 (Fascia A ANVUR)
  • Alessandro Orsini, “Interview With a Terrorist by Vocation. A Day Among the Diehard Terrorists Part II,” Studies in Conflict and Terrorism, 8 (2013) pp. 672-684 (Fascia A ANVUR)
  • Alessandro Orsini, “El ISIS e la Educatión Yihadista,” Cuadernos De Pensamiento Politico, n. 45, Enero-Marzo 2015, pp. 81-92.
  • Alessandro Orsini, “Boko Haram y Las Raìces del Yihadismo en Nigeria”, Cuadernos De Pensamiento Politico, n. 46, Abril-Junio 2015, pp. 175-188.
  • Alessandro Orsini, “Las Brigadas Rojas y El Poder De Las Ideologìas Asesinas,” Cuadernos De Pensamiento Politico, n. 44, Octubre-Diciembre 2014, pp. 69-82.
  • Alessandro Orsini, “Charlie Ebdo. El Atentado Yihadista De Parìs”, Cuadernos De Pensamiento Politico, 18/2/2015 (online)
  • Alessandro Orsini, “El Futuro De Oriente Medio y Los Acuerdos Con Iràn,” Cuadernos De Pensamiento Politico, n. 48, Octubre-Diciembre 2015, pp. 109-120.
  • Alessandro Orsini, “Charlie Ebdo. El Atentado Yihadista De Parìs”, Papeles FAES Foundación para el Análisis y los Estudios Sociales, n. 179, 18/2/2015
  • Alessandro Orsini, “La Fortuna del ISIS,” Papeles FAES Foundación para el Análisis y los Estudios Sociales, n. 181, 3/11/2015

I suoi libri

  • (2002) Ripensare la nazione
  • (2003) Alle origini del nazionalismo
  • (2004) Bruno Rizzi. L’eretico della sinistra
  • (2005) In difesa della sociologia storica
  • (2007) Le origini del capitalismo
  • (2009) Anatomia delle Brigate rosse. Le radici ideologiche del terrorismo rivoluzionario
  • (2010) Il rivoluzionario benestante. Strategie cognitive per sentirsi migliori degli altri
  • (2011) Anatomy of the Red Brigades. The Religious Mind-Set of Modern Terrorists
  • (2012) Gramsci e Turati. Le due sinistre

Curatele

  • (2013) Guglielmo Ferrero, Le due Rivoluzioni francesi, a cura di Alessandro Orsini
  • (2014) Randall Collins, Violenza. Un’analisi sociologica, a cura di Alessandro Orsini