LUISS

“Alberto Simonini socialista democratico. Da operaio a ministro della Repubblica (1896-1960)”

Rubbettino, giugno 2010, pp. 260

• Premessa di Attilio Gambetti

 

Presentazione del volume martedì 6 luglio 2010, Sala del Tricolore, Municipio di Reggio Emilia

• Vai al programma dell’evento

• Vai alla registrazione audio/video della Commemorazione

 

Per informazioni visita il sito www.albertosimonini.info

• Scarica la scheda del volume

• Articoli, recensioni e interviste su “Alberto Simonini socialista democratico” (scarica la rassegna stampa)

 

copertina-simonini.JPG
 

Presentazione

La figura di Alberto Simonini è ancora viva non solo nella memoria di parenti ed amici, ma anche in vasta parte della popolazione emiliana. Per questo, nel cinquantesimo anniversario della sua prematura scomparsa, si è inteso, attraverso la costituzione di un Comitato, riproporre con una celebrazione il ricordo della sua vita e delle sue opere. Questo volume è una biografia politica dell’illustre personaggio. Infatti, da operaio, militante e dirigente sindacale, antifascista e componente del Comitato di Liberazione nazionale, sino agli incarichi di segretario del Partito socialista dei Lavoratori italiani e di ministro della Repubblica, Alberto Simonini ha compiuto un percorso di vita e di lavoro coerente, impegnato, generoso. Ed è questo l’aspetto che ancor oggi è testimoniato dalle opere che seppe edificare. A fianco all’impegno politico e parlamentare, che si espresse anche nell’azione governativa, Alberto Simonini promosse iniziative benefiche e sociali di grande rilevanza nazionale. Tali furono l’Opera benefica “Camillo Prampolini” e il Centro di addestramento professionale, poi a lui intitolato, che, sin dagli inizi degli anni Cinquanta, hanno svolto un ruolo sociale e culturale di primo piano. In queste opere egli traduceva l’insegnamento morale di Camillo Prampolini e degli apostoli del socialismo: umanitarismo, solidarismo, giustizia sociale. Furono questi gli ideali che promossero anche il suo impegno politico sin dalla nascita del partito riformista di Filippo Turati e, in seguito, nella costituzione del partito dei socialisti democratici italiani di Giuseppe Saragat. Azione politica e opere sociali, quelle di Alberto Simonini, ispirate agli ideali di libertà da ogni oppressione e di culto dei valori democratici.

 

Indice

Capitolo primo
Antimilitarismo e sindacalismo rivoluzionario tra guerra e dopoguerra. Gli anni della formazione politica

Nella città di Camillo Prampolini

Mito rivoluzionario e socialismo dei fatti

Elezioni politiche e amministrative 1919-1920

Turati, Treves, Prampolini, Zibordi al convegno nazionale socialista di Reggio Emilia

Riformismo e massimalismo. Il “metodo reggiano” e la polemica con i comunisti torinesi

Capitolo secondo
L’adesione al Partito socialista unitario di Turati. L’avvento del fascismo

I socialisti reggiani. Simonini sindacalista

Legalità e non-violenza di fronte al fascismo

Sotto la scure del fascismo

Saragat in Francia: socialismo è democrazia

Capitolo terzo
La caduta del regime e la rinascita dell’attività politica

«La Giustizia» riprende le pubblicazioni

Rinasce il socialismo italiano

I congressi socialisti di Reggio Emilia e le elezioni dell’Assemblea costituente

La scissione di palazzo Barberini

Capitolo quarto
Il Partito socialista dei lavoratori italiani e il socialismo democratico nel sistema politico italiano

Il 1947, l’anno della svolta. Il sostegno al piano Marshall e l’ingresso del PSLI nel quarto governo De Gasperi 103

Le elezioni del 1948 e la scelta occidentale

Simonini segretario del PSLI e i problemi dell’unificazione socialista

L’adesione al Patto atlantico

Capitolo quinto
Crisi della collaborazione governativa e nascita del Partito socialista democratico italiano

Simonini ministro della Marina mercantile nel sesto governo De Gasperi

Nasce il Partito socialista democratico italiano

La proposta di un nuovo sistema elettorale e le elezioni del 1953

Capitolo sesto
Il declino del centrismo. Il PSDI e l'”apertura a sinistra” (1954-1958)

Il ritorno dei socialisti democratici al governo

Il 1956. La ripresa del dialogo con il PSI

Simonini ministro delle Poste e Telecomunicazioni nel secondo governo Fanfani

Il contrasto con Saragat

Capitolo settimo
Fra centro-sinistra e difesa dell’autonomia socialista democratica. L’ultima sfida di Simonini

Il XII congresso del PSDI. Simonini a Strasburgo

Resistenze nella Democrazia cristiana

Verso la crisi del luglio 1960. La scomparsa di Alberto Simonini

Le commemorazioni in morte di Alberto Simonini, “un vero socialista democratico”

La fondazione dell’Opera benefica “Camillo Prampolini” e del Centro di addestramento professionale di Reggio Emilia

Indice dei nomi

La storia per immagini

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.