LUISS

Programma

ANNO ACCADEMICO 2011-12

Corso di laurea Economia e Finanza

Disciplina Economia del Mercato Mobiliare

I anno, I semestre

Crediti: 8

Contenuti
Il corso inizia con un’introduzione sui mercati di futures e opzioni e sui possibili utilizzi dei derivati.
Vengono descritti i contratti forward e viene dimostrata, con semplici argomentazioni di arbitraggio, la relazione tra prezzi a termine e prezzi a pronti.
Viene poi spiegato l’utilizzo dei futures per fini di copertura.
Dopo aver analizzato il mercato dei tassi d’interesse e dei derivati su tassi d’interesse (FRAs, futures su T-bonds, ecc.), si passa all’analisi degli swaps, che possono essere considerati come portafogli di FRAs.
Dopo aver descritto il funzionamento del mercato delle opzioni ed esposte le semplici relazioni che devono essere rispettate dai prezzi delle opzioni call e put affinché non esistano opportunità di arbitraggio, vengono spiegate alcune strategie operative (hedges, spreads e combinations).
Successivamente si mostra come valutare le opzioni con gli alberi binomiali a uno e due stadi.
Dopo aver trattato i processi di Wiener e il lemma di Itô, viene esaminato il modello di Black-Scholes-Merton.
Vengono poi esposte le caratteristiche delle stock options assegnate a impiegati e dirigenti.
Dopo aver esaminato le particolarità delle opzioni su indici azionari, valute e futures, vengono analizzati i parametri utilizzati nelle coperture mediante opzioni (delta, gamma, vega ecc.).
Il corso si chiude con l’analisi dei volatility smiles.

Obiettivi
Questo corso si rivolge a chi desidera acquisire un’adeguata conoscenza del funzionamento dei mercati dei derivati (forwards, futures, swaps, opzioni) e vuole apprendere gli strumenti fondamentali per la loro valutazione senza dover necessariamente conoscere strumenti matematici sofisticati.
Alla fine del corso, gli studenti avranno una buona preparazione sul funzionamento di questi prodotti, sul loro utilizzo, sulla loro valutazione e sulle modalità con cui le istituzioni finanziarie si coprono dai rischi quando negoziano derivati.

Metodo d’Insegnamento
Gli argomenti trattati a lezione seguono lo stesso ordine di esposizione del libro di testo, per una più agevole comprensione da parte degli studenti.
Alla fine di ciascun capitolo del libro sono riportati diversi problemi. Alcuni vengono trattati in aula, altri sono segnalati agli studenti perché provino a trovarne da soli la soluzione, prima di consultare quella riportata nel Manuale delle Soluzioni.
La didattica in aula si avvale di numerose diapositive in PowerPoint, scaricabili dal web.

Schema delle Lezioni
1a settimana: Introduzione (Cap. 1);
2a settimana: Funzionamento dei Mercati dei Futures (Cap. 2), Coperture mediante Futures (Cap. 3);
3a settimana: Tassi d’Interesse (Cap. 4);
4a settimana: Determinazione dei Prezzi Forward e dei Prezzi Futures (Cap. 5);
5a settimana: Futures su Tassi d’Interesse (Cap. 6);
6a settimana: Swaps (Cap. 7);
Prova scritta intermedia
7a settimana: Funzionamento dei Mercati delle Opzioni (Cap. 8), Proprietà delle Opzioni su Azioni (Cap. 9);
8a settimana: Strategie Operative mediante Opzioni (Cap. 10);
9a settimana: Introduzione agli Alberi Binomiali (Cap. 11);
10a settimana: Modello Black-Scholes-Merton (Cap. 13);
11a settimana: Opzioni su Indici Azionari, Valute e Futures (Capp. 15-16);
12a settimana: Lettere Greche (Cap. 17).
Prova scritta finale

Metodo di Valutazione ed Esami
La valutazione complessiva è così ripartita:
Prova scritta intermedia: 50%
Prova scritta finale: 50%.
Le prove scritte, intermedia e finale, sono a “libri chiusi”. Gli studenti non possono portare con sé appunti o altro materiale, ma solo una calcolatrice. Vengono distribuite le fotocopie con i testi delle domande e dei problemi da risolvere, che gli studenti sono tenuti a restituire dopo aver indicato a margine le loro risposte.
Le prove scritte vertono su domande che sono simili ai problemi esposti alla fine di ogni capitolo del libro di testo. Alcune sono numeriche (richiedono cioè che venga riportato il risultato di un’elaborazione) e altre sono non-numeriche (ad es. «In quali casi le futures options americane di tipo call valgono più delle corrispondenti spot options americane? In quali casi è vero il contrario?»).

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.